Colorati, divertenti e alla moda: sono i gioielli fatti a mano da Giulia di Carillon Bijoux. Nelle sue creazioni le tendenze del momento e la cura dei dettagli incontrano il suo gusto personale, semplice ma frizzante. Il segreto di Giulia? Creare con leggerezza, per passione e per divertimento.

Così belli che…te li rubano!

Giulia lo fa fin da ragazzina, quando comincia a realizzare da sola i braccialetti e gli orecchini che indossa: piacciono talmente tanto, però, che le amiche – e anche la mamma… – glieli rubano.

Così, Giulia inizia a creare gioielli fatti a mano per gli altri e poi a venderli online: gioielli con le perline, all’uncinetto, a soutache, con ciondoli, charms colorati, fili sottili. La sua casa è letteralmente invasa da anelli, fili, perline, pinzette: “Ho voluto un soppalco per lavorare, ma non è bastato: ho riempito anche il tavolo del salotto…

Creare qualcosa con le sue mani le dà soddisfazione e la fa stare bene: “lo faccio se ho bisogno di rilassarmi, di divertirmi…o anche di consolarmi “. Non le pesa nemmeno far tardi la sera per finire un paio di orecchini o sorbirsi mezz’ora di coda alla posta per una spedizione.

Per lei entrare in un negozio che vende perline è come arrivare nel paese dei balocchi: sarebbe tentata di acquistare qualsiasi cosa. Scherzandoci su, ma non troppo, dice che per lei i gioielli sono una vera e propria ossessione: non per niente il suo blog, che parla di gioielli a 360 gradi, si chiama “My personal obsession“.

Il dettaglio che ti cambia l’outfit (e la giornata)

Non so voi, ma ci sono mattine in cui io voglio guardarmi allo specchio e vedermi bella, punto. A volte basta un dettaglio: un bel tacco, la borsa giusta, un paio di orecchini… I gioielli di Carillon Bijoux sembrano fatti apposta: trendy quanto basta per attirare l’attenzione ma facili da portare. “Li metti la mattina alle otto – dice Giulia – per andare al lavoro“. E poi non li togli più fino a sera, quando esci con le amiche.

Nuova collezione Autunno – Inverno 2019 – 2020

Come nasce un nuovo modello? Dalla ricerca, soprattutto online: Giulia passa al setaccio siti web, blog, tutorial, magazine per capire che aria tira e cogliere al volo le ultime tendenze. Poi.. beh, poi ci mette del suo! Adatta le forme, sceglie i colori, crea pochi pezzi: poi pubblica le foto online su Instagram e Facebook, per capire se i modelli piacciono.

Piacciono, eccome! Giulia non ha fatto in tempo a pubblicare le foto della nuova collezione di orecchini per l’autunno che arrivano subito i primi commenti: “Eccoli! Bellissimi!”, “Li vogliamo…” , “Quanto costano?”.

Una volta ricevute le sue creazioni, le ragazze ringraziano, condividono le loro foto mentre indossano i gioielli di Carillon Bijoux, li mostrano nelle loro Instagram stories. Così, Giulia viene a sapere che un paio dei suoi orecchini è partito per Dublino, o incontra persone che indossano i suoi gioielli per le strade di Torino, la città dove vive. Per non parlare di quella volta che, emozionatissima, ha realizzato un paio di orecchini in soutache per il matrimonio di un’amica.

Fatti apposta per te

Oggi in tantissimi creano gioielli e li vendono online: sul web si trova davvero di tutto. Giulia, però, sa distinguersi: lavora con attenzione, cura i dettagli, usa materiali di qualità perchè i suoi gioielli fatti a mano durino nel tempo.

E poi…volete mettere il gusto di personalizzare il modello, i colori, le forme dei gioielli che indosserete? Con Carillon Bijoux si può: Giulia risponde alle domande di chi la contatta, consiglia colori, suggerisce soluzioni. Dedica tempo a capire cosa vogliono i clienti e li coinvolge, gentile e sorridente anche di fronte all’ennesima richiesta di modifica.

Work in progress

Con la stessa attenzione, Giulia prepara le sue spedizioni: i gioielli arrivano a destinazione in confezioni così belle che si è ancora più curiosi di scoprirne il contenuto. Il packaging cambia spesso: piccoli sacchetti di stoffa stampata e organza o buste e scatoline coloratissime e sempre diverse.

Giulia non sbaglia un colpo, eppure parla della sua passione con molta leggerezza. Non è un lavoro e non vuole che lo diventi: niente stress, condizionamenti, scadenze. Sa che le sue creazioni incontrano i gusti della gente ed è grata a chi sceglie il suo brand, eppure non dà nulla per scontato: “Se i miei gioielli un giorno non piacessero più, continuerei a creare per me stessa”.

Scommettiamo che non succederà, Giulia?

Link utili:

Blog: http://www.mypersonalobsession.com/

Facebook: http://www.facebook.com/Carillon-Bijoux-428598050535923/

Instagram: http://www.instagram.com/carillon_bijoux/

Lascia un commento